BTG24

tutte le novità sul web
scopa a vapore

Tutto ciò che dovete sapere sui lavapavimenti

Le scope a vapore hanno la funzione primaria di lavare e igienizzare: non sono, infatti, in grado di aspirare lo sporco, ma sono in grado di separarlo da qualsiasi tipo di superficie grazie ad un potente getto di vapore che può raggiungere i 120 gradi.

Questi apparecchi non sono da confondere con le scope elettriche che, invece, funzionano come veri e propri aspirapolveri: le scope a vapore devono essere utilizzate su pavimenti e superfici da cui sia già stato rimosso il grosso dello sporco e che volete igienizzare a fondo.

In commercio potete trovare elettrodomestici che uniscono le due funzioni (2 in 1), ma per un risultato migliore è consigliato acquistare due apparecchi separati che, seppur ad un prezzo leggermente superiore, vi garantiranno una casa pulita, igienizzata e libera da batteri.

Come individuare la migliore scopa a vapore?

Se state pensando di acquistare una scopa a vapore, ci sono una serie di caratteristiche che dovreste valutare per scegliere l’elettrodomestico più adatto al vostro budget e alle vostre esigenze assicurandovi un buon rapporto qualità/prezzo.
Uno degli elementi principali da tenere in considerazione è la potenza (e il conseguente consumo) della lavapavimenti (espressa in Watt).

In generale, i modelli di ultima generazione vengono prodotti in conformità alle norme europee sui consumi energetici, perciò troverete apparecchi che, seppur con un numero di Watt limitato, vi garantiranno un ottimo risultato ed un consumo energetico contenuto. Come linea guida, tenete a mente che un lavapavimenti a vapore di qualità ha una potenza minima di 1500 Watt.
Altri fattori da considerare sono la pressione della caldaia e la temperatura del vapore.

La pressione non è sempre riportata nelle schede tecniche delle scope, ma, quando possibile, assicuratevi che non sia inferiore ai 2 Bar. La temperatura del vapore, invece, è un elemento molto importante da cui dipende il livello di pulizia garantito dalla scopa. Generalmente, l’acqua evapora a 100 gradi, ma le migliori scope elettriche possono arrivare ad una temperatura di 120-130 gradi, assicurandovi così una lucidatura e un’igienizzazione superiori.

Un consiglio è di scegliere un modello che via dia la possibilità di regolare la temperatura e l’emissione del vapore, permettendovi così di utilizzare la scopa su qualsiasi tipo di superfice senza rischiare di danneggiarla.

Infine, scegliete un lavapavimenti a vapore il cui serbatoio abbia una capacità di almeno 500 ml. Un serbatoio più piccolo vi costringerebbe a fermarvi spesso per rabboccare la tanica e vi rallenterebbe. Se avete una casa grande, l’ideale sarebbe una capacità di 750 ml: un buon compromesso tra peso ed autonomia della scopa.

Su quali superfici si può usare lavapavimenti?

Probabilmente vi starete chiedendo se il lavapavimenti migliore sia indicato per ogni tipo di superficie, soprattutto per materiali delicati come il parquet. La risposta è che le scope a vapore, soprattutto i modelli migliori, sono adatte per qualsiasi tipo di pavimento.

Per quanto riguarda il parquet, optate per un getto di vapore di potenza inferiore e, se dopo 4-5 minuti la superficie dovesse risultare ancora bagnata, provvedete ad asciugarla con un panno. Inoltre, i modelli più avanzati di scope a vapore, hanno anche l’opzione di lavorare in verticale, permettendovi di lucidare ed igienizzare anche tende, poltrone e divani.